Suzuki Misano, il prototipo dello IED che unisce auto e moto
Suzuki Misano, il prototipo dello IED che unisce auto e moto

Suzuki Misano, il prototipo dello IED che unisce auto e moto

29 Aprile 2021
0 Commenta

Un prototipo capace di combinare le diverse anime di Suzuki e di mettere insieme il mondo dell’auto con quello delle moto. È stato questo l’obiettivo raggiunto dagli studenti dell’Istituto Europeo di Design di Torino (IED), con la realizzazione del prototipo Suzuki Misano.

La concept car, presentata in diretta streaming dalle OGRTech di Torino, verrà esposta al Museo Nazionale dell’Automobile dal 15 maggio al 6 giugno.

Un prototipo in stile “Dolce Vita”

La Misano è una roadster anticonvenzionale a cui hanno lavorato circa 100 persone tra studenti, professori e membri dello staff dello IED. Si tratta del progetto di tesi degli studenti del Master in Transportation Design e si è basato sull’idea “La Dolce Vita X Way of Life”.

In pratica, i designers hanno dovuto unire i valori del brand con l’immagine del piacere e dell’eleganza, tipici della “Dolce Vita” italiana raccontata nel celebre film di Federico Fellini.

Ad accompagnarci nella scoperta della Misano è stato il professore dello IED e designer James Hope. Nel prototipo si è cercato di unire lo spirito di Suzuki delle auto sportive e pratiche e quello delle moto. Al tempo stesso, l’impatto visivo doveva essere forte e ispirato al design delle supercar italiane come Lamborghini e Ferrari.

Tutto a portata di mano

Il risultato è una sportiva elettrica con quattro motori, lunga 4 metri e larga 1,7 metri e con una disposizione dei sedili in tandem ispirata a quella delle moto.

Negli interni si nota un manubrio che Suzuki ha ribattezzato “unità di controllo”. Questo perché dal comando si può gestire ogni aspetto dell’auto senza togliere le mani.

Suzuki Misano, il prototipo progettato dallo IED

Si può quindi accelerare e frenare (esattamente come una moto) e toccare gli schermi per visualizzare le varie informazioni sulla guida. L’idea dei designers, infatti, è stata quella di rendere tutto a portata di mano per un’esperienza di guida totalmente connessa all’auto, in tutti i sensi.

Un altro aspetto innovativo riguarda i fari anteriori e posteriori. La forma è stata concepita per convogliare l’aria verso i generatori di corrente e aumentare così l’autonomia della batteria. In pratica, la Misano è alimentata anche ad energia eolica.

Suzuki Misano, il prototipo progettato dallo IED
Suzuki Misano, il prototipo progettato dallo IED

Visto il design asimmetrico dell’auto, i progettisti hanno potuto ricavare un vano bagagli con apertura laterale simile a quella di una corriera. Nel vano possono essere installate eventualmente delle batterie extra per ottenere così un’autonomia maggiore.

Una parte del pannello della portiera, invece, può essere rimossa per dare ai passeggeri una maggiore sensazione di velocità.

Infine, il pacco batterie è sistemato nella parte inferiore del pianale per avere così un baricentro basso e un’esperienza di guida da go-kart.

Le parole di IED e Suzuki

Michele Albera, coordinatore del Master, racconta le fasi di sviluppo della Misano: “Abbiamo adattato il nostro modo di lavorare, rimanendo fedeli alla nostra idea di Learning by Doing”, ha dichiarato Albera nel corso della presentazione.

“Non volevamo solo costruire un’auto bella, abbiamo elaborato diversi prototipi e questo nello specifico è stato scelto da Suzuki. Dall’idea siamo arrivati all’elaborazione 3D e al concept vero e proprio”, ha proseguito il coordinatore.

Suzuki Misano, il prototipo progettato dallo IED

Così Kimihiko Nakada, designer director di Suzuki Italia: “Per Suzuki è stato un piacere collaborare con l’IED e con gli studenti per la realizzazione di questo bellissimo progetto”, le parole di Nakada. “Il nostro marchio punta da sempre su funzionalità, compattezza e prestazioni. I designers sono riusciti a trasferire nella Misano tutto lo spirito di Suzuki”, ha continuato il designer.

Riccardo Balbo, direttore accademico dello IED, riflette sul significato della Misano: “Lo IED si basa da sempre su uno costante scambio di informazioni e crescita reciproca tra professori e studenti”, ha detto Balbo.

“Anche noi impariamo nuove cose quando insegniamo e questo ci aiuta ad affrontare meglio i continui cambiamenti del nostro settore. La Misano è l’esempio di come si può ibridizzare un’auto, è un modo per capire come potrebbero evolversi i prossimi modelli in tutto il mondo”, ha concluso il direttore.

A contribuire alla realizzazione della Misano sono stati EDAG Italia, Torino Crea, Freeland.car e Raitec e gli sponsor tecnici Pirelli e OZ Racing.

Orario Apertura

Officina, Carrozzeria e Magazzino

Lun – Gio:       07:30 – 12:00 | 13:30 – 17:30

Ven:                07:30 – 12:00 | 13:30 – 17:00

Sabato e Domenica Chiusi

Vendita

Lun – Ven:       08:00 – 12:00 | 13:30 – 18:30

Sab:                08:30 – 12:00 | 13:30 – 17:00

Domenica Chiusi

Contatti

Garage Della Santa SA

Via F. Zorzi 43, CH 6501 Bellinzona 

Tel. +41 91 821 40 60  Fax +41 91 821 40 61


Della Santa Automobili SA
Viale Olgiati 25 – CH 6512 Giubiasco 

Tel. +41 91 857 08 88
Tel. +41 91 857 13 14
© 2021. Garage Della Santa